Vezua inaugura il suo primo "Giardino Boschivo" in Toscana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su whatsapp

In occasione dell’Earth Day la start up O2 Forest (VEZUA) ribadisce il proprio impegno per il nostro pianeta

Oggi 22 aprile 2021 si festeggia la Giornata della Terra e Vezua, una start up impegnata nel sociale e nell’ecosostenibilità ha scelto di presentare proprio in questa occasione un progetto green, in collaborazione con Monte dei Paschi di Siena. Il portale – noto per aver lanciato una nuova frontiera degli acquisti online – ha deciso di impiegare parte dei suoi ricavi per la piantumazione di un giardino boschivo, un progetto di riforestazione a tutti gli effetti.
Il terreno selezionato per l’iniziativa si trova in Toscana, per la precisione in provincia di Siena, a Monteroni d’Arbia. Il processo di piantumazione è iniziato con l’inserimento di vari tipi di strati boschivi nel terreno, alla presenza di numerosi studenti della scuola primaria: un segnale importante per le nuove generazioni, affinché comprendano l’importanza di progetti dediti alla salvaguardia della Terra, come quello di Vezua.

IL GIARDINO BOSCHIVO VEZUA: com’è nato il progetto

I fondatori Francesco Salvi e Giulia Faleri hanno raccontato come è stato possibile realizzare il progetto di riforestazione: “Siamo fieri di aver dato inizio alla prima piantumazione nel terreno che abbiamo acquistato e di aver coinvolto la comunità locale organizzando una giornata in cui famiglie e bambini si sono divertiti piantando assieme a Vezua. È solo l’inizio di un progetto destinato a ridare valore alle imprese, alle persone e all’ambiente in chiave sostenibile, assieme ai partner Fondazione MPS e Alleanza Territoriale Carbon Neutrality Siena”.

Il terreno è stato acquistato da Vezua proprio per garantire la permanenza e la tutela della flora e della fauna, con l’idea, di renderlo visitabile e accessibile a tutti coloro che vorranno trascorrere una giornata immersi nella natura, in un luogo di fusione tra bosco e giardino fiorito e che incentivi il contatto tra uomo e natura, nonché la presenza di insetti e animali selvatici. Salvi e Faleri hanno poi concluso: “Tra i prossimi progetti c’è l’acquisto di ulteriori terreni nel nostro territorio della Toscana ma anche nel resto d’Italia e con partner che ci aiuteranno a realizzare i giardini boschivi Vezua all’estero. Ricordiamo che possono essere visitabili da chiunque fin da subito e gratuitamente”.

Autore: VEZUA

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su whatsapp