Sostenibilità sugli Investimenti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su whatsapp

5 ragioni per cui dovrebbe interessarti l’impact investing con i criteri ESG

 

1. Evitare rischi di bancarotta

Gli investitori avrebbero potuto evitare il 90% delle bancarotte avvenute nell’arco temporale tra il 2005 ed il 2015 se avessero escluso dalla loro strategia d’investimento aziende con un rating ESG basso o comunque sotto la media. Intanto mentre i leader aziendali dovrebbero guardare alle valutazioni e alle previsioni del fondo ESG con occhio critico, negli Stati Uniti si stima vi siano circa 12.000 miliardi di dollari di attività gestite con obiettivi di sostenibilità, e gli analisti di Bank of America e Merrill Lynch stimano che i fondi ESG vedranno una crescita di beni pari a 20.000 miliardi di dollari nei prossimi 20 anni. Nel frattempo, un’indagine di KPMG dichiara che tra le 100 maggiori società al mondo, il 75% sta implementando approcci sostenibili rispetto al 12% nel 1993. Non ci sono dubbi che i fattori ESG siano diventati una valutazione significativa del modo in cui le aziende sono guidate e gestite.

Fonte: Refinitiv, FactSet.

2. Le aziende “buone” godono di minori costi di finanziamento

Minore è il rating ESG, maggiore sarà il costo del debito. A conferma di ciò viene in aiuto una ricerca effettuata a fine 2020 da Intesa San Paolo che dimostra come l’81% delle società intervistate ritiene che gli operatori finanziari dovrebbero integrare gli indicatori ESG con quelli tradizionali, per poter valutare al meglio il merito creditizio. Inoltre la raccolta dei dati per l’elaborato dice che il 33% delle aziende beneficerebbe di condizioni di finanziamento migliori. Inoltre, il 69% delle società interpellate dichiara di raccogliere dati ESG per uso interno, per gli stakeholder oppure per essere resi pubblici. Seppur questi dati sopra citati siano incoraggianti e in costante sviluppo, vi è un notevole margine di miglioramento: infatti, solo un’azienda su tre prende in considerazione i prodotti di “sustainable finance” (finanza sostenibile) e meno del 30% ha adottato strumenti come i rating di sostenibilità o ha redatto una dichiarazione non finanziaria (Dnf).

Fonti: MSCI ESG Research LLC, FactSet.

3. Le controversie ESG possono costare molto

Quando le aziende affrontano problemi legati a controversie ESG, come sfruttamento del personale, inquinamento idrico o falsificazione dei bilanci, il loro prezzo azionario tende a soffrire per un anno o più. Uno studio di Daniel Fauser, Equity Analyst, Global ESG Integrated di Swisscanto Invest mostra come l’inclusione di fattori ESG può ridurre significativamente il rischio di controversie e proteggere il valore di mercato delle società in caso di contenziosi legali. Il campione analizzato include circa 1.800 società statunitensi di 27 settori, per cui sono state raccolte informazioni sulle cosiddette controversie ESG e sulla performance ESG, così come dati finanziari e di mercato. I risultati dello studio hanno rivelato che un migliore posizionamento societario rispetto alle tematiche ESG sensibili a controversie giudiziarie, riduce il rischio di quest’ultime, in una società di medie dimensioni, di circa il 23%. I risultati, inoltre, indicano che le società con un alto rating ESG hanno circa la metà del rendimento anomalo negativo al momento della presentazione di un’azione legale, a differenza delle società con performance ESG media o scarsa (vedi grafico sottostante).

4. Il settore presenta molte opportunità

I trilioni di dollari amministrati dai portfolio managers ci mostrano come i problemi globali siano una parte rilevante nelle strategie di investimento.
L’integrazione dei principi ESG all’interno del processo di investimento e l’engagement contribuiscono a migliorare i rendimenti corretti in base al rischio. In primo luogo perché le aziende che operano in linea con i principi ESG generano mediamente risultati migliori. Sia nel mercato azionario, sia in quello obbligazionario si può notare una sovraperformance dei titoli ESG rispetto ai titoli tradizionali.

Fonti: US SIF. MSCI World.

5. Probabilmente le tematiche ESG ti interessano già

Gli azionisti di tutto il mondo si sono chiesti almeno una volta domande del tipo “Il compenso del management è allineato con gli interessi degli shareholders?” oppure “Se l’azienda non rispetta sufficientemente l’ambiente significa che in futuro potranno sorgere problemi legali?”. Oggi, grazie ai criteri ESG, gli investitori possono misurare il valore effettivo delle aziende.

Autore: eFin

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su whatsapp